MARINELLA CORREGGIA: OBSERVER MISSION, FIRST DAY

Cuba, Venezuela, India, Mozambique, South Africa, Turkey and others: an international delegation in Syria against the interference and for peace

Marinella Correggia

I am convinced that in Syria there is an international conspiracy, and do not believe the media, governments around the world discussing Syrian opposition and over ten thousand people killed by the army and militias. There are 29 organizations from 24 countries, especially non-Western (including Turkey, Venezuela, Cuba, Mozambique, South Africa, India, Nepal, Jordan, Lebanon, Brazil, Russia, and even some European countries) and two international organizations are members of the World Peace Council (WPC) and World Federation of Democratic Youth (WFDY) who are currently on deputation to Syria (May 7 that goes to vote for new Parliament). A “mission of solidarity and fact-finding”:

Delegates

The declaration preparatory delegation explained:

“We salute the millions of peace-loving and young people in Syria and express our sincere sympathy to the peaceful protests, social and genuine and just demands of economic change, social and political order that the people in the country is master their future. Do not accept any political or military interference in Syria, by U.S., Israel, NATO, together with Turkey and Gulf countries, for the protection of civilians and alleged human rights. We ask that you repeat the Libyan model. Only the Syrian people have the sovereign right to decide on the future of Syria.”

I asked and got to be part of the delegation of this shared base and considering the presence of activists and youths from around the world, which in itself may convey more specific elements in their respective countries about the media propaganda that hinders the search for peace and reconciliation in Syria and “justifies” foreign interference.

And ‘It soon became clear that the will of the participants (after some interviews with them) anti-imperialist solidarity is preponderant compared to ascertain the facts. The meetings, organized by the local section of WFDY (the Nuss, Syrian Student Union), lie on only four days, dwell more on geopolitical considerations, are qualified with actors and cover a few places: Damascus and Lattakia.

But when the bus of “delegates” will stop somewhere, approaching people (like that of the University of Damascus and Lattakia) to say “we ask you to tell the truth in your country, just lies.”

In Damascus, the first day

Truth is a big word and demanding. Easier to try to dismantle some lies and fabricated and distorted news. The first day in Damascus, in the morning, afternoon and evening we saw a normal city, quiet (depending on who was already there was less traffic than usual), and no military presence. Yet Diago, a young Portuguese director, calling home is cautioned that the army is “bombing Damascus,” because that refers to the Portuguese television. Even clubs in Italy seems the same news on the outskirts of Damascus. When asked, the local guides say it’s probably the usual clashes with “terrorist groups”.

A boy of Nuss that acts as a translator (called Petros, more or less, is a Christian family) tells us that in neighborhoods where we went, the souks, the medina, before the crisis there were more tourists than locals. Now even one.

The Syrians take all met to condemn the “political manipulation of religion” that accompanies the international conspiracy against Syria. Here are brief accounts.

The Grand Mufti of Syria, Ahmad Hassoun Bdrddin in marly and gilded hall of the mosque speaks of “foreign interference that manufacture war instead of promoting reconciliation between all parties. There are people who kill for money, money that comes from outside. Say it. They are armed and receive a lot of money. But a regime is changed in a peaceful manner, not with the killing of many people in exchange for money. ” I ask him: “But several armed groups in Syria – and elsewhere – have always the name of Allah on the mouth.” Answer: “It ‘political use of religion which is not related in any way. We see in Saudi Arabia, Afghanistan, in many places. ” Adds: “And then as you can kill it in the name of Allah.” His son was killed in Lattakia, out of the university, while in the car.

The President of the Nuss Ammar Saadé also notes that Syria has welcomed over one million Iraqi refugees, not to mention the Palestinians and Lebanese.

Outside the university, three girls in head scarves (there are very few in Damascus, especially among youth) stop there: they are angry with Al Jazeera and Al Arabyia, saying that “even many Syrians are influenced by these liars instead of looking around.”

In a meeting by the bad acoustics confusissima exacerbated by the fact that many delegates were eating (unfortunately in these delegations is always given too much attention to food, except wasting time), a member of the Communist Party (Unified) said inter alia that It aims to provide areas in Syria like Kosovo or Benghazi, from which armed groups can bring attacks.

The meeting with the patriarch of Hazieem asked Marian is in a bare room type oratory, which reassures me for his modesty (but we will see later that the church is rather bright and huge). The Patriarch recalled the story of Paul on the Damascus road and the fact that here took root in Islam and Christianity and all religions in their various subdivisions here have lived together for centuries and centuries, and “Easter, Muslims have come to pray with us, they always do but this year more as a sign of solidarity and peace. Coming to the point, he speaks of conspiracy, it certainly says that Syria will win together. “Also because we have the support of friendly countries, the Brics (note: all here seem to rely heavily on Russia China India Brazil South Africa … who knows if they’re right), and Iran, which does not occupy or make war with any other country as it did the Western powers. ” He points out that the lies of the media, especially Al Jazeera and Al Arabiya and their Gulf countries “where there is democracy and pretend to teach others.” He adds that “the visit of the Russian patriarch in November we were very encouraged.” A delegate asked “what is the secret of the peaceful coexistence of religions in Syria and Lebanon were slaughtered?”. “In Lebanon and Jordan, the company is, as with us, multi-religious, but the various religions are not afforded the same rights.”

What message would you like to give to the Vatican (who wrote the other patriarch, the Church Zaitoun)? Obviously you do not balance, “Baba-The Pope – has come out in Easter for peace in Syria. We hope that his voice is always stronger against Western conspiracy. Syria is our motherland, without the Syrian Christians we lose everything.”

ITALIAN

Cuba, Venezuela, India, Mozambico, Sudafrica, Turchia e altri: una delegazione internazionale in Siria contro l’ingerenza e per la pace

di Marinella Correggia

Sono convinti che in Siria ci sia una cospirazione internazionale e non credono ai media, ai governi di mezzo mondo e all’opposizione siriana cHe parlano di oltre diecimila persone uccise dall’esercito e da milizie filogovernative. Sono 29 organizzazioni, provenienti da 24 paesi soprattutto non occidentali (fra cui Turchia, Venezuela, Cuba, Mozambico, Sud Africa, India, Nepal, Giordania, Libano, Brasile, Russia, e anche alcuni paesi europei) e aderenti alle due organizzazioni internazionali World Peace Council (Wpc) e World Federation of Democratic Youth (Wfdy) che si trovano attualmente in delegazione in Siria (che il 7 maggio va a votare per il nuovo Parlamento). Una “missione di solidarietà e accertamento dei fatti”:

I delegati

La dichiarazione preparatoria della delegazione spiegava: “Salutiamo i milioni di amanti della pace e giovani in Siria ed esprimiamo la nostra sincera solidarietà alle proteste pacifiche, sociali e genuine e alle giuste richieste di cambiamenti economici, sociali e politici nel paese affinché il popolo sia padrone del proprio futuro. Non accettiamo nessuna delle interferenze politiche o militari in Siria, da parte di Usa, Israele, Nato, accompagnati da Turchia e paesi del Golfo, per la presunta protezione della popolazione civile e dei diritti umani. Chiediamo che non si ripeta il modello libico. Solo il popolo siriano ha il diritto sovrano di decidere sul futuro della Siria”.

Ho chiesto e ottenuto di far parte della delegazione su questa condivisibile base e considerando la presenza di attivisti e giovani da mezzo mondo, che in sé potrebbero veicolare nei rispettivi paesi elementi più precisi circa la propaganda mediatica che ostacola fortemente la ricerca della pace e della riconciliazione in Siria e “giustifica” l’interferenza estera.

E’ parso subito evidente che nella volontà dei partecipanti (in seguito alcune interviste agli stessi) la solidarietà antimperialista è preponderante rispetto all’accertamento dei fatti. Gli incontri, organizzati dalla sezione locale della Wfdy (la Nuss, Unione studentesca siriana), si stendono su soli quattro giorni, si soffermano maggiormente su considerazioni geopolitiche, sono con attori qualificati e riguardano pochi luoghi: Damasco e Lattakia.

Ma quando il bus dei “delegati” si ferma da qualche parte, si avvicinano persone (come all’università di Damasco e a quella di Lattakia) per dire “vi chiediamo di dire la verità nei vostri paesi, basta menzogne”.

A Damasco, primo giorno

Verità è una parola grossa e impegnativa. Più facile cercare di smantellare certe menzogne e notizie fabbricate e distorte. Il primo giorno a Damasco, di mattina, di pomeriggio e di sera abbiamo visto una città normale, tranquilla (secondo chi c’era già stato c’è meno traffico del solito) e senza presenza militare. Eppure Diago, giovane delegato portoghese, chiamando a casa viene avvertito che l’esercito sta “bombardando Damasco”, perché così riferisce la tivù portoghese. Anche in Italia pare circoli la stessa notizia, relativa ai sobborghi di Damasco. Interrogati, gli accompagnatori locali dicono che probabilmente si tratta dei soliti scontri con “gruppi di terroristi”.

Un ragazzo della Nuss che fa da traduttore (si chiama Petros, più o meno, è di famiglia cristiana) ci fa notare che nei quartieri dove siamo passati, il suq, la medina, prima della crisi c’erano più turisti che locali. Adesso nemmeno uno.

I siriani incontrati tengono tutti a condannare la “strumentalizzazione politica della religione” che accompagna la cospirazione internazionale contro la Siria. Ecco brevi resoconti.

Il Gran muftì della Siria, Ahmad Bdrddin Hassoun, nel marmoso e dorato salone della moschea parla di “ingerenze estere che fabbricano la guerra invece di favorire la riconciliazione fra tutte le parti. C’è gente che uccide per denaro, denaro che viene da fuori. Ditelo. Sono armati e ricevono molti soldi. Ma un regime va cambiato in modo pacifico, non con l’uccisione di tante persone in cambio di denaro”. Gli chiedo: “Ma diversi gruppi armati in Siria – e altrove – hanno sempre il nome di Allah sulla bocca”. Risposta: “E’ un uso politico della religione che non si giustifica in alcun modo. La vediamo in Arabia Saudita, in Afghanistan, in tanti posti”. Aggiunge: “E poi come si può uccidere così in nome di Allah?”. Suo figlio è stato ucciso a Lattakia, fuori dall’università, mentre era in macchina.

Il Presidente della Nuss Ammar Saadé ricorda anche che la Siria ha accolto oltre un milione di rifugiati iracheni, per non dire dei palestinesi e libanesi.

Fuori dall’università, tre ragazze con il velo (sono pochissime a Damasco, soprattutto fra le giovani) ci fermano: sono furenti con Al Jazeera e Al Arabyia, dicono che “anche molti siriani si fanno influenzare da questi bugiardi invece di guardarsi intorno”:

In una confusissima riunione dalla pessima acustica peggiorata dal fatto che molti i delegati stavano mangiando (purtroppo in queste delegazioni si dà sempre troppa attenzione al cibo, salvo sprecarne tanto), l un esponente del Partito Comunista (unificato) ha detto fra l’altro che si mira a creare in Siria delle zone tipo Kosovo o Bengasi, dalle quali gruppi armati possano portare attacchi.

L’incontro con il patriarca Hazieem della chiesta mariana avviene in una sala disadorna tipo oratorio, che mi rinfranca per la sua modestia (ma la chiesa che vedremo dopo è invece rilucente ed enorme). Il patriarca ricorda la storia di Paolo sulla via di Damasco e il fatto che qui si radicarono la religione islamica e quella cristiana e che tutte le religioni nelle loro varie suddivisioni qui hanno convissuto per secoli e secoli, e “a Pasqua i musulmani sono venuti a pregare da noi, lo fanno sempre ma quest’anno di più, in segno di solidarietà e pace. Venendo al dunque, parla anche lui di cospirazione, si dice certo che la Siria unita vincerà. “Anche perché abbiamo l’appoggio di paesi amici, i Brics (ndr: tutti qui sembrano contare molto su Brasile Russia Cina India Sudafrica…chissà se hanno ragione), e l’Iran, che non occupano né fanno la guerra a nessun altro paese come invece hanno fatto le potenze occidentali”. Sottolinea che lui le bugie dei media, soprattutto di Al Jazeera e Al Arabiya e dei loro paesi del Golfo “dove non c’è democrazia e pretendono di insegnarla agli altri”. Aggiunge che “la visita del patriarca russo in novembre ci ha molto incoraggiati”. Un delegato chiede “qual è il segreto di questa pacifica convivenza fra religioni in Siria mentre in Libano si sono scannati?”. “In Libano e Giordania la società è, come da noi, multireligiosa, ma alle varie religioni non sono riconosciuti gli stessi diritti”:

Che messaggio vuole dare al vaticano (al quale ha scritto l’altro patriarca, della Chiesa Zaitoun)? Ovviamente non si sbilancia: “Il Baba –papa – si è pronunciato a pasqua per la pace in Siria. Speriamo che la sua voce sia sempre più decisa contro la cospirazione occidentale. La Siria è la nostra madrepatria, senza la Siria noi cristiani perderemmo tutto”.